Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

Informativa estesa

         

Sei in: Eventi e news > Archivio notizie

Archivio notizie

03/10/2016

Le chiese di Milano, in tutti i sensi

Grazie a innovativi pannelli multisensoriali e multimediali i 15 edifici di culto più belli di Milano sono accessibili alle prsone con disabilità uditiva e visiva.

Grazie a innovativi pannelli multisensoriali e multimediali le chiese più belle di Milano sono accessibili alle persone con disabilità visiva e uditiva. Grazie al progetto “Le chiese di Milano... in tutti i sensi” città fa un significativo passo in avanti nell'ottica del turismo accessibile. Il protetto è stato co-finanziato dal settore Turismo e Marketing territoriale del Comune, che ha individuato 15 luoghi di culto, trai i più belli e a volte poco valorizzati, per creare un itinerario turistico composto da percorsi che abbattono le barriere e permettono a tutti di apprezzare la bellezza cittadina.

"Questo progetto – ha spiegato l'assessore al Turismo, Roberta Guaineri - è dimostrazione della dovuta attenzione verso tutti i tipi di pubblico e rappresenta la direzione in cui intendiamo muoverci. L'inclusione e l'accessibilità universale agli spazi pubblici, compresi quelli di interesse turistico, artistico e culturale, sono a pieno titolo criteri di base che includeremo nella progettazione e nella realizzazione delle iniziative di questa Amministrazione".
Nelle quindici chiese individuate (dal Duomo a Santa Maria delle Grazie, da Sant'Eustorgio alla basilica di Sant'Ambrogio) sono stati installati dei pannelli che integrano comunicazione visiva, tattile e uditiva. C'è un testo in Braille (in italiano e inglese) che fornisce le  informazioni essenziali sulla chiesa assieme a una pianta disegnata in rilievo con indicazione numerica delle singole zone riportate in legenda permettendo così l'orientamento all'interno dell'edificio. La speciale tecnica di stampa integra i contenuti visivi a quelli tattili, permettendo la lettura a ipovedenti, non vedenti e anche alle persone con una lieve minorazione visiva.
Inoltre, inquadrando con il proprio smartphone il codice QR riportato sul pannello, si accede a contenuti fruibili in varie modalità: audiodescrizione per non vedenti, video con sottotitoli e traduzione dei testi in LIS (Lingua italiana dei segni) per non udenti.
Il percorso scelto per il progetto, realizzato dalla Tactile Vision Onlus con il patrocinio dell'Unione italiana dei ciechi, si snoda tra le chiese di San Vittore al Corpo, Santa Maria delle Grazie, Sant'Ambrogio, San Maurizio, San Lorenzo, Sant'Eustorgio, San Simpliciano, Sant'Alessandro, Santa Maria presso San Satiro, San Marco, Santa Maria dei Miracoli, San Nazaro in Brolo, San Fedele, Sant'Antonio e Santa Maria della Passione.