Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

Informativa estesa

         

Sei in: Eventi e news > Archivio notizie

Archivio notizie

30/11/2016

Milano passa il testimone a Chester

La città inglese ha vinto l'edizione 2016 dell'Access City Award "grazie alle sue misure inclusive" per il turismo. A passare il testimone tra le due città, Luisella Bosisio Fazzi di LEDHA.

Milano passa il testimone a Chester. Ieri a Bruxelles, la Commissione europea ha assegnato alla città britannica l’Access City Award, ovvero il premio come città più accessibile d'Europa, grazie alle “sue misure inclusive per le persone con disabilità in differenti settori, in particolare il turismo”.

“Rendendo i suoi principali siti turistici accessibili ai disabili, Chester dimostra che turismo accessibile per tutti e conservazione del patrimonio storico e culturale possono andare di pari passo – ha commentato la commissaria Marianne Thyssen -. Ciò che merita una menzione speciale è che non solo il settore pubblico, ma anche le imprese private di Chester sono coinvolti in iniziative di accessibilità”. Per l’edizione 2016 dell’Access City Award erano 43 le città candidate, tra cui anche la città di Alessandria che ha ottenuto un riconoscimento speciale per “l'impegno per l'accessibilità in condizioni finanziarie difficili”.

A passare simbolicamente il testimone tra Milano e Chester è stata Luisella Bosisio Fazzi, membro del consiglio direttivo di LEDHA – Lega per i diritti delle persone con disabilità. Che durante il suo intervento davanti alla Commissione ha ricordato come “il premio ricevuto l’anno scorso dalla Città di Milano è stato un premio condiviso con le associazioni di persone con disabilità perché la città, con loro, ha posto in atto buone pratiche in tema di accessibilità per le persone con disabilità”.

Il premio non è stato considerato un traguardo raggiunto ma, grazie alla continua e costante pressione delle associazioni, un punto di partenza per rendere Milano sempre più accogliente ed accessibile non solo per le persone con disabilità ma per tutti”, conclude Bosisio Fazzi. Uno sforzo che si è concretizzato nel portale “Milano per tutti” realizzato dalle Associazioni di persone con disabilità e promosso dalla città di Milano per offrire informazioni e strumenti necessari ai turisti italiani e stranieri che vogliono visitare il Duomo, i Navigli, i musei del capoluogo meneghino o dedicarsi allo shopping.