Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

Informativa estesa

         

Sei in: Eventi e news > Archivio notizie

Archivio notizie

22/11/2019

Cenacolo 4.0. Anche per le persone con disabilità visiva

Un sito e un'app dedicata per tutti coloro che vogliono visitare il Cenacolo vinciano. Un'opera accessibile alle persone con disabilità visiva grazie all'audiodescrizione di DescriVedendo

Il Museo del Cenacolo Vinciano, il refettorio della chiesa di Santa Maria delle Grazie, dove Leonardo Da Vinci ha affrescato l’Ultima Cena, si proietta nel futuro grazie a un progetto digitale a tutto tondo che comprende il nuovo sito internet, pagine social, un’app per smartphone e realtà aumentata. Obiettivo del progetto “Cenacolo 4.0” p quello di utilizzare le straordinarie potenzialità dell’informatica e della realtà aumentata per redere l’esperienza di visita il più possibile approfondita e per raggiungere una platea sempre più ampia.

All’interno di questo progetto di rinnovamento ha trovato spazio il progetto “DescriVedendo”, promosso da ANS (Associazione nazionale subvedenti) che offre alle persone con nulla o ridotta capacità visiva, la possibilità di andare alla scoperta delle più celebri opere d’arte milanesi attraverso un’attenta e dettagliata descrizione delle stesse. “Si tratta di un metodo validato, che prevede una minuziosa descrizione delle opere secondo linee guida molto precise -spiega Rosa Garofalo, responsabile delle relazioni esterne del progetto-. Ogni descrizione, infine, viene validata, prima di essere proposta al pubblico”.

“DescriVedendo” prevede la descrizione di diverse opere esposte al museo di Brera, al museo Diocesano, presso la Casa Museo Boschi di Stefano, il Museo del Novecento e la sala delle Asse al Castello Sforzesco. Circa un anno fa è stata aggiunta anche la descrizione dell’Ultima cena. “Si tratta di un’opera molto complessa, ogni personaggio ha un’espressione caratteristica, i gesti delle mani ci comunicano messaggi molto precisi -spiega Rosa Garofalo-. Effettuare un’unica descrizione dell’Ultima cena sarebbe stato molto difficile, per questo motivo è stata divisa in due parti: la prima più breve, la seconda più approfondita”.

Oggi l’audio descrizione dell’Ultima Cena è disponibile sull’app del Museo del Cenacolo vinciano (per Android e iOS) ed è tradotta in otto lingue in modo tale che chiunque possa usufruirne. La descrizione dell’opera, estremamente dettagliata e ricca di informazioni, infatti, non solo permette alle persone con limitata o nulla capacità visiva di conoscere l’opera, ma permette anche alle persone normovedenti di scoprire nuovi dettagli e nuove informazioni sull’opera.

Oltre alla descrizione dell’opera dedicata alle persone con disabilità visiva, l’app offre molti altri contenuti. In questo momento, tuttavia, l’applicazione non è completamente accessibile. La sezione dedicata all’accessibilità è accessibile alle persone con disabilità visiva.